Il monoflora o il millefiori

E’ sorprendente scoprire quanti sapori e aromi racchiudano i mieli della Rigoni di Asiago, un cocktail incredibile, che parla di aree di raccolta uniche e incontaminate
Il miele, infatti, può essere “monoflora”, se proviene in prevalenza da un particolare tipo di fiore o di pianta, oppure “poliflora” (meglio conosciuto come “millefiori”) nel caso contrario.
Il suo colore varia da “bianco acqua” ad “ambra chiaro o dorato”, arrivando ad essere scuro, quasi nero.
Si presenta liquido e trasparente oppure cremoso, pronto da spalmare o da abbinare ai formaggi più sfiziosi.
E’ prezioso in cucina: sia nella preparazione di dolci che per aggiungere sapore e consistenza alle pietanze più ricercate.